Blog: http://eDEMOCRAZIA.ilcannocchiale.it

PERCHE' IL PENSIERO ANARCHICO OGGI

Anarchismo non è sinonimo di 'facciamo come ci pare', questo è lo stravolgimento di un'idea, oltre che di un termine. Il pensiero anarchico è sintetizzabile nella bella idea che vuole che ognuno sia così partecipe del bene comune da potersi governare da solo senza pregiudicare l'altro. Dunque nulla a che vedere con il comunismo o la democrazia rappresentativa, cui è sottesa l'idea che le masse siano incapaci di evolvere e dunque bisognose di essere 'governate', per lo più da persone bramose di potere e ricchezza personale.
Il terzo millennio è iniziato con una crisi profonda dei modelli e quasi sempre ciò è avvenuto perchè le idee, alla fine, camminano sulle gambe dei peggiori. Lo diceva già Lenin un secolo fà. Dunque non le idee mancano, ma uomini giusti che vogliano prendersi l'onere di occuparsi di politica, intesa come cura della cosa pubblica. E' un ossimoro, mi rendo conto, del genere 'mi sento vivo da morire'.
Infatti gli uomini 'giusti' generalmente stanno alla larga dalla politica, che è l'arte del compromesso e talvolta della sopraffazione.
Gli ideali anarchici sono utopici, ne convengo, ma non più di quelli della democrazia e del comunismo o del capitalismo. Alla base di tutto questo discorso c'è l'uomo e le sue possibilità evolutive. Dunque dobbiamo dare per scontato che le possibilità ci sono, perchè ci sono sempre state e ci hanno condotto fuori dalla barbarie e dalla legge della jungla. Sappiamo anche che la barbarie cova sotto la cenere ed è pronta a riprendere vigore ogni volta che gli uomini 'giusti' mollano.
Dunque non si tratta di ripulire il mondo dai furbi, dagli ignoranti, dagli egoisti e dai sopraffattori (questa è davvero utopia, poichè i percorsi di crescita sono individuali, c'è chi evolve in un anno e chi non gli basta una vita intera), ma di far sentire queste persone come si sente un fumatore in un parco di Santa Monica: un individuo antico.
In questa società occidentale gli 'antichi' sono invece al potere e radicano nelle menti deboli ideali da par loro e gli uomini 'giusti' si nascondono, poichè le minoranze sono perseguitate fino a che il mondo è guidato dai cosiddetti 'governanti'.
Ecco, spostare questi equilibri, capovolgere il sentire comune è il mestiere dell'Utopia.
Dal punto di vista anarchico è sbagliato perfino il concetto di 'maggioranza', alla base della democrazia. Un esempio paradossale per spiegarmi meglio. Secondo il principio di maggioranza gli handicappati dovrebbero strisciare su e giù per le scale e invece ha vinto il principio di minoranza, non puoi più costruire case e uffici con barriere architettoniche perchè non è vero che la maggioranza rappresenta il meglio per tutti.
I movimenti anarchici hanno anche frange che usano violenza, ritenuta commisurata alla violenza subita, ed è perlopiù diretta alle cose e non alle persone, allo scopo di richiamare l'attenzione dei media. Su questo si può discutere all'infinito, ne convengo, ma alla fine non ne risulta sminuito il principio base sotteso: chi intende 'governarci', inevitabilmente ci pensa e ci tratta come bestiame, altrimenti non avrebbe scelto di guadagnarsi da vivere 'governando' i propri simili.
Questo è ritenuto un principio da abbattere, filosoficamente parlando, come fu abbattuto quello della schiavitù, della segregazione razziale e del lavoro minorile, per dar posto al diritto all'istruzione, al lavoro e al suffragio universale. Tutto ciò è costato lacrime e sangue lungo centinaia di anni, in quanto non accade mai che si salga da qualche parte prendendo strade in discesa. La 'globalizzazione' non è,
come spesso i media tentano di farci credere, un fenomeno ineluttabile, ma il tentativo di riunire il potere in pochissime mani. Questa oligarchia, economica, finanziaria e politica, si propone di governare il mondo più di quanto stia già facendo. Dal punto di vista anarchico e dei movimenti no-global, tutti i movimenti e i partiti, portano acqua a quel mulino.
Il futuro penso possa avvalersi del pensiero anarchico, poichè sempre più persone non intendono vivere la propria vita all'interno di un gioco di ruolo, dove tutto è previsto, indirizzato, manipolato, finto.
Cito il pensiero anarchico poiché è una delle poche forme mentis slegate dal forte bisogno di essere servi o padroni o entrambi e dunque non liberi di considerare la nostra unicità e, alla fine, solitudine nell'universo.
Anarchia è sinonimo di Utopia esattamente come lo era la Democrazia al tempo di Cesare. Dunque nessuna utopia, ma un'alternativa, una possibilità. Il fatto che tale alternativa necessiti di una rivoluzione sociale è vero, ma non più di quanto furono necessari altri stravolgimenti sociali per l'affermarsi del capitalismo, del fascismo e del nazionalsocialismo.
L'idea che gli anarchici siano dei comunisti rivoluzionari è ovviamente falsa e fonte di confusione in coloro che sono in animo di sistemare etichette, ha comunque preso piede per via del fatto che ovunque ci sia stato da passare a vie di fatto per abbattere il potere costituito, gli anarchici c'erano e sempre in prima fila. A cominciare dalla Rivoluzione russa, ma anche prima.
In verità, gli anarchici semplicemente sanno che senza rivoluzione sociale qualunque cosa si faccia è un piacere allo statu quo, e allora si sono trovati spesso al fianco di movimenti rivoluzionari comunisti.
Gli anarchici non fanno una questione di potere buono e potere cattivo, dunque non possono essere comunisti esattamente come non possono essere nazionalisti. L'anarchia è anche altro... un modo di essere, una mentalità, un modo di vivere, un concetto e una visione differente della vita. E' autonomia, rispetto, solidarietà, universalità, tolleranza, insomma... se la conosci t'innammori, affermano con forza.
In vista di un sovvertimento sociale, gli anarchici sanno che opposte fazioni si contenderanno poi il potere. Per questa ragione la loro azione, diciamo 'prerivoluzionaria', è rivolta a promuovere il rifiuto di ogni forma di potere dell'uomo sull'uomo, a convincere insomma le masse che non esiste la necessità di essere servi o padroni, poichè questo assunto è solo un'invenzione di menti astute e antiche come il mondo, non una legge di natura.
                                                                                                                 

                                                                                                                                                 [Carlo Anibaldi - Maggio 2010]

Pubblicato il 2/7/2010 alle 23.50 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web