.
Annunci online

eDEMOCRAZIA
BLOG DI CARLO ANIBALDI - Come cambia la Democrazia al tempo della Grande Rete
7 aprile 2009
LO SPAZIO DELL'ANIMA
 

I nostri rapporti interpersonali, se li guardiamo da vicino, si muovono su diversi livelli. Dai più superficiali, che ci consentono di indossare la Maschera che abbiamo preparato fin dall’infanzia per sentirci sempre a nostro agio, ma che mai ci soddisfano, poiché lasciano fuori dal rapporto quasi tutto, a quelli più importanti, dove ci illudiamo un po’ di essere “noi stessi” per il fatto che ci danno modo di ‘sperimentarci’ , di vivere dimensioni diverse e più intime e dentro le quali facciamo la conoscenza soprattutto di noi stessi, per mezzo dell’altro.

Questi ultimi sono i rapporti che costellano la nostra vita e che per certi versi abbiamo ritenuto appaganti per il fatto che ci hanno maturato, ci hanno consentito, attraverso il confronto, di conoscere come ‘funzioniamo’, di conoscere cosa ci serve e quello di cui possiamo fare a meno. Soprattutto ci hanno consentito di sperimentare le nostre capacità affettive, di accoglienza e di donazione di noi stessi. Se immaginiamo il cielo di notte, possiamo vedere zone ricche di stelle e costellazioni e ampie zone di buio denso. Sappiamo che quelle zone sono tutt’altro che prive di stelle luminose, semplicemente sono troppo lontane da noi per poterne cogliere la luce. Ebbene noi, o meglio, l’essenza della nostra vita, è quel cielo stellato, con stelle luminosissime, addirittura grandi pianeti e galassie zeppe di stelle, ma anche enormi spazi bui, inesplorati.

A ben guardare, tutta la nostra vita è un tendere a quegli spazi bui, a conoscerne i segreti e la luce che vi è racchiusa. A questo scopo adottiamo le più disparate strategie, cadiamo, ci rialziamo, confondiamo e siamo confusi, tentiamo scorciatoie e sperimentiamo Ci illudiamo e deludiamo, spendiamo insomma enormi quantità di energia psichica in questo “tendere a…”. Inevitabilmente questa ricerca, che è stata chiamata in mille modi, ruota intorno ai rapporti, per il fatto che su tutto domina una certezza profonda: siamo incompleti, spaccati, divisi e allora il completamento ci giunge dall’unione con l’altro da noi. Si passa talvolta una vita intera a cercare l’altro “adatto” al completamento, accumulando errori su errori, delusioni su delusioni. Il motivo di tutti questi disastri che costellano le nostre vite bisogna probabilmente cercarlo molto vicino a noi.

Se guardiamo una cucciolata ai primi giorni di vita, vediamo bene l’affannarsi dei cuccioli alla ricerca del capezzolo, ma i loro occhi sono ancora chiusi, il loro olfatto e il loro udito è ancora immaturo e allora ciucciano qualsiasi cosa si trovano davanti alla bocca, con evidente disappunto. Saranno sufficienti pochi giorni e quei cuccioli diventeranno dei veri esperti su come procurarsi tutto ciò che a loro serve. Il nostro affannarci nella vita talvolta somiglia davvero tanto a quella cucciolata nei primi giorni. Per avere l’appagamento non basta cercare, ma serve di avere a disposizione tutti gli strumenti che ci consentano di trovare. Tanto più che la nostra natura di esseri assai evoluti ci spinge a cercare molto in alto e allora è necessario equipaggiarsi alla grande.

All’inizio di questa chiacchierata abbiamo visto che la maggioranza dei nostri rapporti interpersonali sono nel quotidiano e sono dei ‘rapporti maschera’. Nulla di strano e anzi del tutto fisiologico questo allacciare rapporti che siano utili alla nostra vita sociale, al nostro lavoro, alla nostra efficienza nel ‘fare’. Sappiamo che la nostra vita è anche un grande gioco di ruolo che entra a pieno titolo nella formazione degli equilibri. Il problema, direi anzi la patologia, è solo di coloro che si identificano nella maschera che indossano e dunque passano la vita dentro un gioco di ruolo. Purtroppo queste persone sono escluse dalla possibilità di una vita piena, non cercano in realtà nulla e spendono tutte le energia al mantenimento e abbellimento della maschera. Poveretto chi ci capita, verrebbe da dire, e comunque sono esclusi, anzi autoesclusi, dal discorso che stiamo cercando di fare qui oggi.

Torniamo dunque a coloro che, in sintonia con il destino di crescita riservato alla specie umana, non si accontentano, ma cercano e si attrezzano con strumenti adatti.

L’insoddisfazione è il motore della ricerca, ma è anche il nostro cruccio e talvolta la nostra infelicità. Siamo infelici perché le cose belle “durano un giorno come le rose” o perché le rose più belle non si fanno cogliere. Siamo confusi e nell’ansiosa ricerca di un ‘traguardo’, pigliamo ‘fischi per fiaschi’ e l’autostima scivola sotto le scarpe.

Come rimedio a questo dispendio di energie che può condurre la nostra vita ad essere vissuta come un vero ‘disastro’, proviamo innanzitutto a considerare il percorso più importante del traguardo. Dico questo perché, come vedremo più avanti, il traguardo è davvero lassù in mezzo al cielo, in quel punto che ci appare più nero. Può non essere sufficiente una sola vita, può essere che gli affanni della vita quotidiana disperdano molte energie, può essere che incontri sbagliati ci facciano perdere tanto tempo. Comunque sia, dovremmo abituarci a pensare che una vita è ben spesa non in virtù dei traguardi, ma dei percorsi di crescita individuale, poiché solo quelli ci aprono di volta in volta orizzonti nuovi da esplorare, nuove possibilità che credevamo ci fossero precluse. Un’altra importante forma pensiero che dovremmo fare nostra è che è la mente ad avere bisogno di ordine, non l’Universo, dove anzi regna il caos, e allora, se ci accingiamo ad esplorare il nostro Universo interiore alla ricerca della pienezza e della ‘felicità’, non dovremmo mettere in valigia le nostre classiche categorie mentali, non ci serviranno.

Le tipiche categorie mentali che ci sono di aiuto nella vita di ogni giorno, diventano improvvisamente zavorra ingombrante quando esploriamo territori sconosciuti di quanto ci appartiene e che vogliamo conoscere un po’ per avere una vita piena e consapevole.

Mi riferisco alle rigide categorie spazio-tempo, maschile-femminile, bene-male.

Dato che la maggioranza degli individui considera il rapporto di coppia come la base di ogni altra considerazione, dobbiamo partire dalla coppia per capire le aspirazioni deluse e le cosiddette “vite sprecate”. Nel modo di vedere le cose che sto descrivendo, il rapporto tra un uomo ed una donna e gli istinti che lo governano, non hanno solo i fini riproduttivi di specie come per gli altri animali e come la dottrina cattolica ci spiega da secoli. Sarebbe così se l’essere umano fosse un animale fra gli altri nel creato, ma non è così semplice. Infatti l’evoluzione della specie umana è andata verso un tale sviluppo delle parti alte della psiche e dunque della coscienza, da differenziarsi enormemente dal resto del mondo animale, anche nei fini. Il fine di un essere umano evoluto non può essere ristretto alla soddisfazione dei bisogni primari, altrimenti si troverebbe nella condizione del leone, che quando ha mangiato e riposato, si adopera a cercare nuovamente il cibo, allo scopo di mantenere la sua forza, che gli serve a procreare e cercare il cibo. L’essere umano invece, quando ha soddisfatto i bisogni primari, si mette a pensare, si fa domande, tende all’evoluzione e alla comprensione di sé e dell’Universo.

Nelle persone più evolute, il rapporto di coppia è considerato la via maestra che più alla svelta di altre porta alla conoscenza di sé e delle umane cose. La stessa strada, essendo carica di queste aspettative, è inevitabilmente lastricata di delusioni, conflitti e amarezza. Spesso viviamo l’attrazione fra individui e il tentativo di farne una coppia, come il mattone per costruire il mondo, dentro e fuori di noi; ebbene il carico si mostrerà presto eccessivo e i progetti spesso inconciliabili.

Proviamo per un momento a non trascurare il fatto che in media gli individui hanno una scarsa conoscenza di sé e dei propri meccanismi. Consideriamo che nelle loro scelte sono scarsamente volitivi e più che altro sospinti da pulsioni non decifrate poiché inconsce. In questa luce possiamo considerare gli innamoramenti che costellano la nostra vita come proiezioni del nostro alter-ego contro sessuale affondato nell’inconscio su una figura esterna, che in quel momento si mostra ‘adatta’ ad accogliere e riflettere la proiezione. A queste operazioni proiettive, del resto ampiamente sfruttate nei setting terapeutici, sono annesse grandi quantità di energia, capace dunque di ‘trasformare’ gli individui, generando quel miglioramento della personalità cui tutti aspiriamo. Trattandosi di proiezioni di contenuti che appartengono più a noi che all’altro, quando si accendono le luci in sala, appare in tutta evidenza il telone bianco che abbiamo di fronte, con tutte le immaginabili conseguenze. Si tratta però di tappe importanti nel percorso di conoscenza di se stessi e fanno parte delle esperienze fondamentali dell’Umanità e come tali probabilmente imprescindibili, se intendiamo la vita come percorso di crescita individuale e collettivo.

Gli ‘spazi dell’Anima’ sono dunque il luogo della nostra ricerca e delle nostre aspirazioni alla Conoscenza e il rapporto di coppia e gli incontri sessuali connessi, sono inconsciamente considerati le ‘scorciatoie’ al nostro completamento tramite la ricongiunzione degli opposti. Ma questo è un traguardo e allora non dovremmo disperarci troppo per gli insuccessi, poiché forse mai come in questo caso dovremmo considerare il viaggio più importante della meta.

Il grande ricercatore C.G. Jung, alla cui Opera tutta questa mia relazione di oggi si ispira, descrisse i rari e fortunati casi di quelle che lui stesso chiamò ‘Coppie Anima’. Queste coppie di individui, generalmente un uomo e una donna, ma non necessariamente, hanno avuto dalla vita l’opportunità di ‘saltare’ tante tappe evolutive poiché il loro incontro avviene a livello di Anima, dunque un incontro fra archetipi e solo secondariamente fra individui. In questi incontri non hanno senso le differenze e le categorie mentali usuali, poiché ci troviamo nella dimensione inconscia collettiva, dove i conflitti sono risolti, gli opposti ricongiunti, dove l’età cronologica non ha senso, dove i generi maschile e femminile appartengono per intero a ciascun elemento della coppia, con possibilità di interscambio inusuale dei ruoli, che è l’essenza dell’intimità vera. Si vede bene che stiamo anche ora parlando del traguardo, il fine evolutivo delle nostre affannose ricerche, la costellazione in quegli squarci di cielo buio. Alcuni fortunati vivono il loro incontro in uno spazio Anima compiuto, come fosse cosa di questo mondo, come in effetti è per chi ha occhi per vederla e verso cui tutti, pur senza spesso averne coscienza, tendiamo.   (Carlo Anibaldi Aprile 2009)




permalink | inviato da carlow il 7/4/2009 alle 11:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.



Web Counters
VISITE
Web Counter

”Il CONTATTI

DossierDeMagistris

Add to Technorati Favorites

 

 

 

 

 

LA STORIA DEL '900  ITALIANO

VISTA ATTRAVERSO

277 PRIME PAGINE
 


Musica di sottofondo: click sul player

 

 

Il '900 in Prima Pagina
Galleria fotografica del '900
Foto Prima Guerra Mondiale
Foto Seconda Guerra Mondiale
Filmati (formato AVI) e Cartine
Desktop animato del '900 
Desktop Foto del '900
Can Can di Offenbach
Inno d'Italia (edizione storica)
Internazionale (audio wav)
Giovinezza (audio wav)
1900, Parigi Expo Universale: La Belle Epoque
Poster Belle Epoque 
1909: il Futurismo di Marinetti
1909: Nobel per la Fisica a G. Marconi  (voce)
1912 - prime pagine sul naufragio del Titanic
1903-1914, L'Età Giolittiana
1918, La Rivoluzione Russa
1918, 4 Novembre: Bollettino della Vittoria
1919, Il Trattato di Pace di Versailles
1925 Charleston
ll Gangster Movie nell'America dei gangster
1929 Il Tango delle Capinere (ascolta)
Album fotografico anni '20
Album fotografico anni '30
Album fotografico anni '40
1927: la transvolata di Lindbergh
1927: storia di Sacco e Vanzetti (audio podcast)
1937: disastro dell'Hindemburg
1936 - 1939: Africa Orientale Italiana
1938: Einstein spiega la sua formula
1938, primo marzo, muore Gabriele D'Annunzio
Polonia: 1 Settembre 1939 (cartina militare)
1939 - filmato a colori della Germania nazista
BBC Audio Churchill 1 (traduzione 2 - 3
1940 W. Churchill: "This was their finest hour"
La vita di Winston Churchill (1874 - 1965)
Cabinet War Room
1939 - 1945: Timeline
Foto Seconda Guerra Mondiale
1940,10 Giugno: dichiarazione di guerra di Mussolini
The Great Crusade (cinegiornale USA 1945) finestra
Jux Box anni '40  1 - 2 - 3 - 4       1937: Lili Marlene
1940 "Mamma" -  1942 "La Strada nel Bosco"
Dicembre 1940: Raid aerei su Londra  1 - 2
1941, 7 dicembre: attacco a Pearl Harbour
1942 - "Casablanca"
1942, Conferenza di Wannsee
Cartine Offensiva in Italia: Anzio - cartina  Cassino
1944 - "cicalino" BBC nell'Europa occupata
1944 Americani a Roma

Album fotografico della Shoah (pdf)

6 Giugno 1944: D-Day
D-Day - cartina del primo giorno dell'Invasione
6 Agosto 1945: Hiroshima
Berlino: 1936 - 1945, La caduta degli "dei"
1939 - 1945 - Grida dalla Terra: "le cifre"
1939 - 1945 - Grida dalla Terra: i Lager
La "Guerra sporca di Mussolini"
1946 De Gasperi alla Conferenza di Parigi (audio)
Dicembre 1947: la Costituzione repubblicana
Gennaio 1948: assassinio del Mahatma Gandhi
1952: Toscanini dirige la 9a Sinfonia di Beethoven
Dopoguerra:la "denazificazione" fallisce in Germania
Dopoguerra: la "defascistizzazione" fallisce in Italia
1956 - La Rivoluzione Ungherese
1961 - 1989 - Il Muro di Berlino
1962: Il fenomeno Beatles, 79 filmati
1962: Giovanni XXIII "discorso della luna"
JFK - Berlino 1963 "Ich Bin Ein Berliner"
1963, 22 Novembre: assassinio di J.F. Kennedy
1963 - Martin Luther King: "I Have a Dream..."
1964 - 1975 la Guerra in Vietnam
1966, 4 Novembre: alluvione di Firenze
E. Fitzgerald - Berlin 1968
1968, La Rivolta studentesca in Italia
1968, 18 Marzo - Bob Kennedy, discorso Kansas Univ.
1968, 8 Giugno: Robert F. Kennedy Funeral Train
1969-1981: gli Anni di Piombo
1973, 11 Settembre - Colpo di Stato in Cile
1978 Prime Pagine dei 55 giorni del rapimento Moro
1983 - 1993: gli Anni di Fango
1992: la mafia uccide i giudici Falcone e Borsellino
1997, 6 Settembre: "Goodbye England Rose"

 



Bavaglio
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Introduzione di Pino Corrias
Prezzo: euro 12,00
Collana: principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna


I cinesi non muoiono mai
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna
 


Il partito del cemento
di Marco Preve e Ferruccio Sansa 
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna
 


Il ritorno del principe
di Saverio Lodato e Roberto Scarpinato
Prezzo: euro 15,60
Collana: reverse
Vai alla rubrica
La rassegna


Non chiamarmi zingaro
di Pino Petruzzelli
Prezzo: euro 12,60
Collana: reverse
Vai alla rubrica
La rassegna


L'attentato
di Andrea Casalegno
Prezzo: euro 12
Collana: reverse
Vai alla rubrica
La rassegna


Voglia di cambiare
di Salvatore Giannella
Prezzo: euro 13,40
Collana: principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna


Se li conosci li eviti
di Peter Gomez e Maco Travaglio
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna


Viaggio nel silenzio
di Vania Gaito
Collana: reverse
Vai alla rubrica
La rassegna
 


Doveva morire
di Ferdinando Imposimato e Sandro Provvisionato
Prezzo: 15,60
Collana: principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna





Nostra eccellenza
di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: 12,00
Collana: reverse
Vai alla rubrica
La rassegna
La giornata del risparmio energetico

 



Sparlamento. Vita e opere dei politici italiani

di Carmelo Lopapa
Prefazione di Dario Fo e Franca Rame
Prezzo: 14,60
Collana: reverse
Vai alla rubrica
La rassegna
 



La Repubblica del ricatto

di Sandro Orlando 
Prefazione di Furio Colombo
Prezzo: 14,60
Collana: principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna
Gli aggiornamenti










Mani sporche
di Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio
Prezzo: 19,60
Collana: principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna
Ascolta l'incipit
 


 



 


 


 




Sante ragioni
Autori: Carla Castellacci, Telmo Pievani
Prezzo: 13,60
Collana: reverse
Vai alla rubrica
La rassegna



A piedi
Autori: Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro
Prezzo: euro 13,00
Collana: reverse 
Vai alla rubrica
La rassegna



Il giorno in cui la Francia è fallita
Autori: Philippe Jaffré, Philippe Ries
Prefazione di Francesco Giavazzi
Vai alla rubrica
La rassegna

Capitalismo di rapina
Autori: Paolo Biondani, Mario Gerevini, Vittorio Malagutti
Collana principioattivo
Vai alla rubrica
La rassegna



Toghe rotte 
A cura di Bruno Tinti 
Prefazione di Marco Travaglio
Vai alla rubrica
La rassegna
Ascolta l'incipit



Siamo Italiani
A cura di David Bidussa
Prezzo 10 euro
Vai alla rubrica
La rassegna



L'Agenda Rossa di Paolo Borsellino
Autori Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza 
Prezzo 12 euro 
Prefazione di Marco Travaglio
Vai alla rubrica
La rassegna



Il Paese della Vergogna
Autore Daniele Biacchessi
Prezzo 9,50
Prefazione di Franco Giustolisi
Vai alla rubrica
La rassegna



Italiopoli
Autore Oliviero Beha
Prezzo 13,60
Prefazione di Beppe Grillo
Vai al blog su Italiopoli
 
Giovanni&Paolo
  >



IL CANNOCCHIALE